DOMATORE

Le belve feroci sono quelle voci

che continuamente assillano la mente

 

C’è chi ad esse s’arrende

credendo di non poterci fare niente

e chi invece, come il domatore,

usando il cuore,

cerca di affrontarle delicatamente

perché convinto che in questo modo

sia possibile integrarle, dolcemente …

 

Esse, dopotutto, sono quella parte di noi

che inconsapevolmente

nascondiamo a noi stessi ed alla gente

 

Inconsciolo chiama qualcuno,

cioè l’insieme delle decisioni che abbiamo rinviate

o delle possibilità che pur avendo desiderate

ed a noi attirate grazie alla legge di risonanza, od attrazione,

chissà perché ci siamo poi negate

subendo la conseguente delusione

 

Ma non vi preoccupate, c’ è la soluzione

che deve però essere valutata attentamente

affinché quella stessa situazione

non si ripeta continuamente,

con altri attori, probabilmente,

ma dallo stesso significato sicuramente

 

Per andare oltre è sufficiente

scegliere di vivere intensamente quell’esperienza,

qui e ora, nel presente!

 

ACCADDE QUEL GIORNO

 … <<Mi ritorna in mente quel giorno fatidico … Per molte vite ho cercato, ho lavorato su di me, ho lottato, ho fatto tutto ciò che era possibile fare e non è mai successo nulla. Adesso capisco perché non accadeva nulla: lo sforzo era l’ostacolo, la sete di ricerca era l’ostacolo. È vero che non ci si può realizzare senza cercare, la ricerca è necessaria; ma arriva un momento in cui la ricerca dev’essere lasciata cadere. Lo sforzo è necessario: senza sforzo nulla è possibile e, allo stesso tempo, con lo sforzo non si ottiene nulla. Esattamente sette giorni prima di quel giorno indimenticabile smisi di lavorare su di me: arriva un momento in cui si vede la totale inutilità dello sforzo. Hai fatto tutto ciò che potevi, e non è successo nulla. Hai fatto quanto era umanamente possibile, cos’altro potresti fare? Ogni speranza viene meno e si abbandona ogni ricerca: il giorno in cui smisi di cercare, il giorno in cui non aspettai più l’accadere di qualcosa, qualcosa iniziò ad accadere. Dal nulla sorse una nuova fonte di energia: non scaturiva da una sorgente precisa, veniva dal nulla ed era ovunque: era negli alberi e nelle rocce e nel cielo e nel Sole e nell’aria, era ovunque … ed io avevo cercato con tutto me stesso, pensando che potesse essere qualcosa di lontano, di remoto; ed ecco che era così vicina e così intima. Proprio perché ero alla ricerca, avevo perso qualsiasi capacità di vedere ciò che era prossimo; la ricerca è sempre orientata verso ciò che è distante; e quell’energia non è affatto remota. Ero diventato presbite, avevo perso la capacità di vedere ciò che è vicino; gli occhi si erano focalizzati su ciò che è remoto, ed avevano perso la capacità di percepire ciò che è vicino a noi, che ci circonda. Il giorno in cui cadde lo sforzo, scomparvi anch’io; perché non si può esistere senza sforzo, e non si può esistere senza desiderare, e non si può esistere senza lottare: il fenomeno stesso dell’ego, del sé, non è qualcosa di oggettivo. L’ego esiste perché noi continuiamo a desiderare, perché continuiamo a lottare per conquistare qualcosa, perché ci proiettiamo oltre noi stessi. Ecco cos’è l’ego: un protendersi oltre se stessi, un proiettarsi nel futuro, un balzare nel domani; saltare in ciò che non è esistenziale genera l’ego. Poiché spunta fuori da ciò che non esiste, è simile ad un miraggio. È formato solo ed unicamente dal desiderio; non è altro che una sete, uno spasimare. L’ego non è nel presente, è nel futuro. Se vivi nel futuro, l’ego sembra avere sostanza reale ed appare tangibile; se sei nel presente, l’ego è un miraggio; inizia a scomparire. Il giorno in cui smisi di ricercare … ma non è corretto dire “smisi di ricercare”, sarebbe meglio dire che “la ricerca s’interruppe”; infatti, se fossi stato io ad interromperla, sarei stato ancora presente. In quel caso, quell’arresto sarebbe un mio sforzo, un mio desiderio … e, in modo estremamente sottile, il desiderio continuerebbe ad esistere. No, non è possibile arrestare il desiderio, lo si può solo comprendere: nella comprensione stessa, si arresta. Ricordalo: nessuno può arrestare il processo del desiderio, e la realtà si manifesta, accade, solo quando il desiderio si arresta>> …

 Fonte: Osho, “I Maestri raccontano”. © 2008 Mondadori – I Ed. Oscar spiritualità (pag. 199-200)

Cosa è accaduto?

Una meravigliosa trasformazione …

grazie alla quale, per un istante,

ho visto il Paradiso

Annunci

5 risposte a DOMATORE

  1. Pingback: RESPONSABILITÀ | La Nuova Era

  2. Pingback: ISSA | La Nuova Era

  3. Pingback: MONITO | La Nuova Era

  4. Pingback: BELVA | La Vita è Poesia

  5. L'amico Mauro ha detto:

    … “L’anima è sempre alla ricerca dell’unità. Siete sulla buona strada per domare la mente intellettuale umana al fine di accedere ed usare la mente intuitiva, superiore. La vita interiore di un maestro del Sé è vissuta e governata da uno stato mentale di coscienza. Le emozioni, i pensieri e le azioni sono tutti filtrati attraverso la facoltà mentale dell’Anima. Come risultato, l’illusione cede il posto all’intuizione, per mezzo della quale la conoscenza a frequenza più elevata diventa gradualmente disponibile. Il richiamo del mondo materiale lentamente svanisce mentre il corpo dei desideri dell’ego perde la sua presa dominante e la personalità diventa infusa. In qualità di Maestri del Sé, imparerete ad operare in modo efficiente nei settori combinati della forza dinamica, fisica ed energia cosmica.
    La Terra e l’umanità sono sull’orlo del più grande risveglio e trasformazione dopo la caduta della coscienza umana nei regni inferiori della densità” …
    Fonte: http://www.stazioneceleste.it/arcangel/arcangel_2014_12.htm

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...