ALIMENTAZIONE

HAI FAME?

Il mio corpo ha sempre fame,

eppure è ben nutrito,

mi sono chiesto perché (?)

e finalmente l’ho capito!

 

Poiché “io” sono sempre stato un goloso,

nonché un lussurioso impertinente …

… ho intuito,

e poi realizzato concretamente,

d’essere stato confuso dalla mente!

 

 

Perciò ora,

che Sono divenuto più consapevole,

a chiunque dico,

tranquillamente,

Buon Appetito!

REALIZZAZIONE

 … <<Tu hai fame. Di fatto, TU non hai mai avuto fame. Il corpo è stato affamato, non TU; ma “tu” ti sei identificato con il corpo, quindi hai la sensazione di essere il corpo: per questo hai la sensazione di aver fame. Quando presti attenzione alla fame, si crea una distanza, quell’identificazione si spezza. L’identificazione svapora: TU non sei più il corpo; il corpo ha fame, e TU sei colui che osserva. All’improvviso sorge in TE un senso di libertà estatica: “IO non sono il corpo, IO non sono mai stato il corpo. Il corpo ha fame; IO non sono affamato.” Il collegamento è spezzato, ora tu sei separato. Il corpo ha desiderio sessuale perché è frutto del sesso. Il corpo prova desiderio sessuale perché è frutto del sesso. Il corpo prova desiderio sessuale perché ogni cellula del corpo è sessuale. Tua madre, tuo padre, in un’intima attività sessuale, hanno creato il tuo corpo. La prima cellula del tuo corpo è frutto di una profonda passione sessuale: dunque, tutte portano in sé quella qualità. Ed esse si sono moltiplicate, è così che ha preso vita il tuo corpo. Tutto il tuo corpo è frutto di una passione sessuale … ed ecco che sorge il desiderio: per il corpo è una cosa naturale, non c’è nulla di male. Il corpo è solo e unicamente energia sessuale. Per il corpo, il celibato è qualcosa d’impossibile. Per il corpo la sessualità è naturale; per “te”, solo il brahmacharya è naturale, il sesso, invece è qualcosa di innaturale, di assolutamente innaturale. Ecco perché abbiamo definito  brahmacharya il celibato. “Celibato” non è una traduzione esatta, è qualcosa di riduttivo, a buon mercato. Non conserva il senso di brahmacharya, la cui radice è brahma; la parola indica che si è conseguito il Brahman, si è giunti a riconoscere di essere Brahman, l’Assoluto, il divino: TU Sei Dio stesso. Solo quando inizi a sentire di essere Dio (un suo aspetto … n.d.r.), solo allora accade il vero celibato. Perché a quel punto non ci sono più problemi. E ciò che accade è miracoloso … quando sei distaccato, quando il ponte si è spezzato, non sei più identificato con il corpo, non dici: “io sono il corpo”, dici “IO Sono nel corpo, ma non sono il corpo; vivo in questa casa, ma non sono la casa. Sono in questi abiti, ma gli abiti non sono ME”. Quando arrivi a realizzare questa comprensione … parlo di “realizzazione” perché intellettualmente lo sai già, ma non t’è servito a nulla … non l’hai realizzato! Quando si presta un’intima attenzione alla fame, al sesso, a qualsiasi cosa, la si realizza e, all’improvviso, scompare ogni collegamento tra il corpo e l’anima incarnata. Quando quella frattura subentrerà, diventerai un testimone; allora ti renderai conto che il corpo vive attraverso la tua partecipazione. Senza la tua collaborazione, il corpo non può vivere. È ciò che accade, quando muore: il corpo è assolutamente lo stesso, soltanto non c’è più la tua collaborazione. TU sei uscito (metaforicamente …J ) da quella casa, per questo il corpo è morto; altrimenti, nessuno morirebbe mai. Il corpo è lo stesso, ma dipende dalla tua energia; TU lo devi nutrire continuamente di energia: esiste grazie alla tua collaborazione, non ha vita propria. È grazie a TE che sta insieme; altrimenti cadrebbe in pezzi: tu sei il centro e sei l’elemento cristallizzante del tuo organismo. Quando hai fame, e osservi la fame, quella collaborazione non esiste. Accade una morte temporanea. TU non sostieni più il corpo. E quando TU non lo sostieni, come può sentirsi affamato? Infatti, il corpo non può sentire nulla; il sentire appartiene al tuo essere. Nel corpo può esistere la fame, ma il corpo non la può sentire: non ha sensazioni.>> …

Fonte: “OSHO – Yoga della comprensione interiore”. © 2007 Oscar Mondadori (ISBN 8804570806 – pag. 52-53, stralcio)

MEGLIO “ASSAGGIARE”

 Pensa un attimo a quanti sono

i tuoi “piatti” preferiti …

 

Tutti ne abbiamo almeno uno

dal cui “gusto”, la prima volta,

siamo delicatamente stati rapiti …

 

Il cibo è l’elemento che prima di tutti

ci ha fatto scoprire l’Amore,

quel meraviglioso contatto

che ancor oggi tanti portano nel cuore

 

In esso riponiamo poi le nostre paure,

le gioie ed i dolori

e ci rallegriamo quando pensiamo

ai tanti colori ed a quegli inconfondibili sapori

 

Ora proviamo, con le sole parole,

a spiegare il gusto d’una qualsiasi pietanza

in modo che chi legge possa comprenderne insieme

la fragranza, il gusto e la magnificenza …

 

… sono sicuro che non ci riusciremo …

sarà allora più semplice invitare quella persona

a consumarla insieme a NOI, assaggiandola,

in modo che possa gustarne l’inconfondibile sapore

facendone l’esperienza …

 

Così è anche per l’Amore

se ne si vuol comprendere l’Essenza! …

 

Un giorno, magari nella prossima vita, ci riuscirò …

IL CIBO SIA LA TUA MEDICINA

Pochissime persone in tutto il mondo lo sanno, questa informazione viene tenuta nascosta dall’industria farmaceutica ed alimentare:

Nel 1931, lo scienziato tedesco Otto Heinrich Warburg, ha ricevuto il Premio Nobel per la scoperta della causa primaria del cancro. Proprio così, ha trovato la causa primaria del cancro ed ha vinto il Premio Nobel. Otto ha scoperto che il cancro è il risultato di un potere anti-fisiologico e di uno stile di vita anti-fisiologico.

Perché succede? Perché sia lo stile anti-fisiologico nutrizionale, ovvero una dieta basata su cibi acidificanti, sia l’inattività fisica la cui conseguenza è la cattiva ossigenazione delle cellule, porta il corpo a creare nell’organismo un ambiente acido. L’acidità delle cellule porta ad espellere ossigeno; la mancanza di ossigeno nelle cellule crea un ambiente acido.

Warburg ha detto: “La mancanza di ossigeno e l’acidità sono due facce della stessa medaglia: se una persona ha una, ha anche l’altra.”

Quindi, se una persona ha eccesso di acidità automaticamente avrà anche mancanza di ossigeno nel suo sistema, ed ugualmente al contrario se ha mancanza di ossigeno avrà anche nel proprio corpo acidità.

 Lo scienziato ha inoltre detto:

“Le sostanze acide respingono ossigeno, a differenza delle alcaline che attirano ossigeno.” Ovvero, un ambiente acido è un ambiente senza ossigeno. Ed ha dichiarato:

“Privando una cellula del 35% del suo ossigeno per 48 ore, c’è la possibilità che questa si converta in un cancro.” “Tutte le cellule normali hanno il bisogno assoluto di ossigeno, ma le cellule tumorali possono vivere senza”. (Una regola senza eccezioni.)

“I tessuti tumorali si presentano come tessuti acidi, mentre i tessuti sani sono alcalini.”

 Nella sua opera “Il metabolismo dei tumori”, Otto ha mostrato che tutte le forme di cancro sono caratterizzate da due condizioni fondamentali: acidosi del sangue (acido) e ipossia (mancanza di ossigeno). Ha scoperto che le cellule tumorali sono anaerobiche (non respirano ossigeno) e non possono sopravvivere in presenza di alti livelli di ossigeno, ma possono sopravvivere soltanto con glucosio ed in un ambiente privo di ossigeno. Pertanto il cancro non è altro che un meccanismo di difesa che alcune cellule del corpo attuano per sopravvivere in un ambiente acido e privo di ossigeno.

 In sintesi: Le cellule sane vivono in un ambiente ossigenato e alcalino, ambiente che consente il normale funzionamento dell’organismo. Le cellule tumorali vivono in un ambiente acido e carente di ossigeno.

 Importante:

Una volta terminato il processo digestivo, gli alimenti, a secondo della qualità di proteine, carboidrati, grassi, vitamine e minerali, forniscono e generano una condizione di acidità o alcalinità nel corpo. In altre parole tutto dipende unicamente da ciò che si mangia. Il risultato acidificante o alcalinizzante degli alimenti viene misurato tramite una scala di valori chiamata pH, il cui range va da 0 a 14 e dove 7 corrisponde ad un pH neutro.

È importante conoscere l’influenza degli alimenti acidi e alcalini sulla nostra salute poiché le cellule, per funzionare correttamente, dovrebbero essere di un pH leggermente alcalino, poco al di sopra del 7. In una persona sana il pH del sangue ha un valore compreso tra 7.4 e 7.45. Se il pH del sangue è invece inferiore a 7, va in coma.

 Vediamo insieme quali alimenti acidificano il corpo:

* Lo zucchero raffinato e tutti i suoi sottoprodotti. È il peggiore di tutti: non ha proteine, è senza grassi, senza vitamine o minerali, solo carboidrati raffinati che schiacciano il pancreas. Il suo pH è di 2,1, ovvero molto acido …

* Tutti i tipi di Carne;

* Prodotti di origine animale ( latte e formaggio, ricotta, yogurt, ecc.. );

* Il sale raffinato;

* Farina raffinata e tutti i suoi derivati ( pasta, torte, biscotti, ecc.. );

* Pane, la cui maggior parte contiene grassi saturi, margarina, sale, zucchero e conservanti;

* Margarina;

* Caffeina (Caffè, tè nero, cioccolato );

* Alcool;

* Tabacco (Sigarette);

*Antibiotici e medicine in generale;

* Qualsiasi cibo cotto (La cottura elimina l’ossigeno e trasforma l’alimento in acido. Vale anche per le verdure cotte);

* Tutti alimenti trasformati, in scatola, contenenti conservanti, coloranti, aromi, stabilizzanti, ecc.. .

Costantemente il sangue si autoregola per non cadere in acidosi metabolica, garantendo così il buon funzionamento ed ottimizzando il metabolismo cellulare. Il corpo deve ottenere delle basi minerali alimentari per neutralizzare l’acidità del sangue nel metabolismo, ma tutti gli alimenti già citati (per lo più raffinati) acidificano il sangue e indeboliscono il corpo. Dobbiamo tener conto che il moderno stile di vita a cui siamo abituati porta a consumare questo genere di alimenti almeno 3 volte al giorno, 365 giorni l’anno, e tutti sono anti-fisiologici.

 Gli alimenti alcalinizzanti ed altri accorgimenti:

* Tutte le verdure crude. Alcune sono acide al gusto, ma all’interno la reazione del corpo è alcalinizzante. Altre sono un po’ acide, tuttavia forniscono le basi necessarie per il corretto equilibrio. Le verdure crude producono ossigeno, quelle cotte no.

* I Frutti, stessa cosa. Ad esempio il limone ha un pH di circa 2,2, tuttavia all’interno del corpo ha un effetto altamente alcalino, probabilmente il più potente di tutti, non fatevi ingannare dal sapore acidulo. Inoltre i frutti producono ossigeno.

* Alcuni semi, come le mandorle, sono fortemente alcalini.

* I cereali integrali. È bene precisare che l’unico cereale alcalinizzante è il miglio, tutti gli altri sono leggermente acidi, ma siccome la dieta ideale ha bisogno anche di una percentuale di acidità, è bene consumarne qualcuno. Tutti i cereali devono essere consumati cotti.

* Il miele è altamente alcalinizzante.

* La clorofilla della pianta è fortemente alcalina, di qualsiasi pianta, in particolare aloe vera.

* L’acqua è importante per la produzione di ossigeno.

“La disidratazione cronica è la causa principale della tensione del corpo e la radice della maggior parte delle malattie degenerative.” Lo afferma il Dott. Feydoon Batmanghelidj.

* L’esercizio ossigena tutto il corpo, al contrario uno stile di vita sedentario ne porta la mancanza.

L’ideale è avere una alimentazione che sia circa il 60% alcalina piuttosto che acida e, naturalmente, evitare i prodotti altamente acidi come bibite, zucchero raffinato e alimenti contenenti edulcoranti; non abusare del sale o quanto meno evitarlo il più possibile. Per coloro che sono malati, l’ideale è un’alimentazione che sia circa l’80% alcalina, eliminando possibilmente tutti i prodotti maggiormente nocivi. Se si ha il cancro, bisogna cercare di alcalinizzare il più possibile il proprio corpo per contrastarlo. Inutile dire altro, non è vero?

Dr. George W. Crile, di Cleveland, uno dei chirurghi più rispettati al mondo, dichiara apertamente:

“Tutte le morti chiamate naturali non sono altro che il punto terminale di una saturazione di acidità nel corpo.”

Come precedentemente accennato, è del tutto impossibile per il cancro comparire in una persona che libera il corpo dagli acidi con una dieta alcalina, che aumenta il consumo di acqua pura e che evita i cibi che producono acido. In generale il cancro non si contrae e nemmeno si eredita, ciò che si eredita sono le abitudini alimentari, ambientali e lo stile di vita e sono proprio questi a produrre il cancro.

 Mencken ha scritto:

“La lotta per la vita è contro la ritenzione di acido”. “Invecchiamento, mancanza di energia, stress, mal di testa, malattie cardiache, allergie, eczema, orticaria, asma, calcoli renali, arteriosclerosi e così molte altre patologie, non sono altro che conseguenze dell’accumulo di acidi”.

 Dr. Theodore A. Baroody ha detto nel suo libro “Alcalinizzare o morire” ( Alcaline o Die ):

“In realtà, non importa quali siano i nomi delle innumerevoli malattie, ciò che conta è che esse provengano tutte dalla stessa causa principale: l’accumulo di scorie acide nel corpo.”

 Dr. Robert O. Young ha detto:

“L’eccesso di acidificazione nell’organismo è la causa di tutte le malattie degenerative. Se avviene uno squilibrio nell’organismo, il corpo inizia a produrre e immagazzinare più acidità e rifiuti tossici di quelli che è in grado di eliminare, ed è allora che le malattie si manifestano.”

 E la chemioterapia?

La chemioterapia acidifica il corpo a tal punto che ricorre immediatamente alle riserve alcaline del corpo per neutralizzare tale acidità, sacrificando le basi minerali (calcio, magnesio e potassio) depositate nelle ossa, nei denti, nelle articolazioni, nelle unghie e nei capelli. Per questo motivo si presentano alterazioni nelle persone che ricevono il trattamento, tra le prime c’è sicuramente la caduta dei capelli. In uno stato di emergenza il corpo sacrifica ciò che non è strettamente necessario di fronte ad un pH acido, pH che significherebbe la morte.

 Niente di tutto ciò viene descritto o raccontato, l’industria del cancro (leggi: industria farmaceutica) trova nella chemioterapia una delle attività più remunerative che possano esistere al giorno d’oggi. Si parla di un giro di soldi multi-milionario e i proprietari dell’industrie di certo non vogliono che questo si sappia, ne tanto meno desiderano rinunciarvi. Tutto indica che l’industria farmaceutica e quella alimentare altro non sono che un’unica entità, e che ci sia una cospirazione in cui uno aiuta l’altro per profitto. Più le persone sono malate, più sale il guadagno dell’industria farmaceutica, e per avere molte persone malate serve molto cibo spazzatura, tanto quanto l’industria alimentare produce. Quanti di noi hanno sentito almeno una volta la notizia di una persona che si è ammalata di cancro, e quante volte si è sentito dire: “…Può capitare a chiunque…”?!

NON È VERO!

“Che il cibo sia la tua medicina, che la medicina sia il tuo cibo”.

Ippocrate (il padre della medicina ).

Nota : Questo articolo è stato originariamente tradotto da un articolo del blog brasiliano di Rodrigo Campedelli in portoghese e pubblicato il 7 agosto del 2012 sull’altro mio blog Ehretismo.com . Ho colto l’occasione di correggere diversi errori di traduzione (grazie a Melissa B.) e ripubblicarlo (traduzione di Luca Speranza) anche qui:

http://www.fruttalia.it/blog/2013/10/19/la-causa-primaria-del-cancro/

17 risposte a ALIMENTAZIONE

  1. Pingback: IL NUOVO ANNO | La Nuova Era

  2. Rebecca Antolini ha detto:

    lo sai ci siamo da un anno e sei mesi vegani 🙂

  3. L'amico Mauro ha detto:

    Ciao Rebecca,
    IO non sono Vegano …
    per il momento ho solo ridotto drasticamente la carne …
    ora la mangio una volta a settimana …

  4. L'amico Mauro ha detto:

    Una cosa ci tengo però a precisarla …
    … l’illuminazione …
    che qualcuno chiama anche risveglio, ascensione od
    http://lungolavia.iobloggo.com/246/l-abreazione
    in Me è accaduta quando non Mi ponevo proprio
    il problema dell’alimentazione …

    … Dunque non fatene il problema primario
    in grado di bloccare l’evoluzione
    perché tutto, sulla Terra, avviene gradualmente
    e chi cerca d’accelerare qualsiasi processo …
    … ovviamente …
    è ancora prigioniero della mente …
    https://amicidimauro.wordpress.com/ioego/

    Cordialmente …

  5. L'amico Mauro ha detto:

    Ed ora vi spiego
    cosa dice la scienza
    a proposito di chi si dichiara “vegeteriano”
    (per soddisfare il proprio ego …)
    senza aver prima maturato
    la necessaria coscienza …
    http://www.repubblica.it/salute/2014/04/04/news/vegetariani_depressi_allergici-82738787/

  6. L'amico Mauro ha detto:

    … “Il cibo non è solo cibo, ma un bisogno primario e il primo strumento di relazione con il mondo.
    La mente guida il nostro rapporto con il cibo, ma anche il cibo influenza la nostra mente.
    Il nutrire e coltivare la vita è una modalità femminile.
    Quando ci sono problemi con il peso, spesso il cibo è proprio il mezzo con cui una donna mette a tacere le proprie emozioni.
    Il motivo che invece spinge l’anoressica a non mangiare non è la mancanza di fame perché si deve vedere più magra, ma perché chiude le porte a chi gli sta intorno: è il suo modo di dire di no. “Se mangio, accetto di appartenere, di far parte… di qualcosa, di un gruppo…”
    La bulimia spesso è l’altra faccia della medaglia. L’anoressica in genere dice di no alla figura materna, la bulimica a quella paterna.
    Parlando del generico sovrappeso, distinguiamo una parte di donne che controllano in modo ossessivo il peso e la circonferenza. C’è un collegamento tra il controllo del peso e la mancanza di amore” …
    Estratto dalla conferenza di Erica F.Poli
    http://nonsoloanima.tv/blog/2014/donne-cibo-e-dintorni/

  7. L'amico Mauro ha detto:

    … 14. Gesù disse loro, ‘Se digiunate attirerete il peccato su di voi, se pregate sarete condannati, e se farete elemosine metterete in pericolo il vostro spirito. Quando arrivate in una regione e vi aggirate per la campagna, se la gente vi accoglie mangiate quello che vi offrono e prendetevi cura dei loro ammalati. Dopo tutto, quello che entra nella vostra bocca non può rendervi impuri, è quello che viene fuori dalla vostra bocca che può rendervi impuri’.” …
    Fonte: https://giuseppemerlino.wordpress.com/2011/01/10/vangelo-di-tommaso-testo-integrale/
    😀

  8. L'amico Mauro ha detto:

    Il mutar del tempo … metereologico …
    una volta cambiava l’umore
    adesso, invece, fa variare il sapore …
    http://www.repubblica.it/ambiente/2016/03/10/news/che_cibo-135143435/
    😀
    Così risponde, in questo momento,
    l’organismo umano al cambiamento …
    per adeguarsi, senza alcuna paura
    alla volontà della natura …
    https://amicidimauro.wordpress.com/samadhi/

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...