UN PESCATORE

 

Da bravo pescatore

quale IO Sono

non ho potuto non valutare

ciò che è accaduto

nel nostro mare

 

Tonnellate di pesci

morti soffocati nell’acqua

che avrebbe dovuto essere

il loro ambiente naturale …

 

Qualcuno non avrà potuto evitare

di pensare all’opera del male …

qualcun altro, invece,

da qualcos’altro si sarà lasciato incantare

per via d’un imprecisato simbolismo

che potrebbe anche narrare

della fine di un’era

e l’inizio d’un’altra

in cui c’è chi spera …

 

… <<C’eravamo sensibilmente abbassati di quota, volavamo a freccia, l’ombra dell’aeroplano subito sotto, qualche mandria con le sue sole ombre, pietre, arbusti consunti, non un albero, sterminati eserciti di nuvole lontanissimi, quasi a immaginarie frontiere. Ecco, io pensavo: vado dall’uomo. Intendo dal tipo d’uomo che più mi preme sulla madre Terra. Quello capace di spogliarsi delle sue mille ragioni per ascoltarne una e una soltanto: Cristo, l’innovatore, il sovversivo, lo sradicatore, l’esigente per amore che gli ha ingigantito parole nel silenzio profondo del cuore. E, in pratica, lo ha reso libero, dicendogli la formula della promozione più alta: altro che porpora, altro che cursus honorum, altro che cavalli e carrozze: “Non temere: d’ora in poi sarai pescatore di uomini”. Aveva ali taglienti il nostro aeroplano, pieno di forma. La calura ci sbalzava, una gran corsa a sparo e poi un trasalimento, una scrollata e via col rombo, così vasto per noi e certo insignificante per il deserto. Ed io, ancora, dicevo a me stesso: Che cos’è un pescatore di uomini? Un prete? Sì, ma anche no. Forse uno che va dicendo altro. Piegate il capo e caricatevi la legge del Signore? Sì, ma non mi basta e non mi piace. Anzi, mi stufa. Pescatore di uomini, concludevo dentro il fumo di pipa che i bocchettoni d’aria dell’abitacolo avvitavano, è un uomo che sta con Cristo e avverte l’urgenza improrogabile di essere talmente fratello verso chiunque altro da convincerlo che le ragioni del cielo diventano circostanze d’amore evidenti, palpabili, quotidiane, carne, sangue e sudore, milizia e volontà, esempio e audacia. Si profilò Wajir nell’aria vastissima che brillava a cinguettìo. Tentammo tre volte l’atterraggio su una pista sconnessa: era sparsa di zebù, li si vedeva sgroppare atterriti dal motore. Rullammo a balzelloni fra l’incedere lontano e snobistico delle giraffe. Eravamo finalmente dal pescatore, l’elica si fermò: cinquanta gradi, il corpo che si scioglie, la Somalia appena più in là, le donne flessuose del villaggio con pesanti orci sul capo fierissimo. Avrei da scrivere ore, e un pezzo di carta è così esiguo e insignificante. Conobbi un pescatore. Biancheggiava per un camice sui calzoni corti, il corpo alto e massiccio, ex artigliere da montagna di Novara. Appariva mite e tenerissimo portatore di speranza. Unico dottore in un’area grande come due regioni italiane, non conosceva più nulla delle sue necessità personali. Ma si donava senza risparmio a chiunque levasse un gemito. Appariva saldamente agguerrito, pronto, insonne, sorridente, capace. Si badi: pareva di trovarsi sulla luna, in mezzo ai crateri. E lui faceva il testimone come Dio comanda. Me lo stampai dentro. La gente chiede se i cristiani sono veramente diversi. È così che si va a pesca: e la rete si colma. Al venir meno del Sole, c’involammo. Non avevo voglia di pensare. Il monte Kenya si soffondeva di una rosa cherubino. C’erano aironi ancora in formazione.>> …

 (Fonte: Giorgio Torelli, “La pazienza di Dio“. © 1984 De Agostini, pagine 46 – 48)

Annunci

Informazioni su L'amico Mauro

https://astronascenteblog.wordpress.com/chi-sono/ ?
Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.

3 risposte a UN PESCATORE

  1. L'amico Mauro ha detto:

    Ed a proposito di mare …
    https://amicidimauro.wordpress.com/2015/04/21/esodo/#comment-7479
    mi astengo dal commentare …
    preferisco, ancora, continuare ad aspettare …
    https://amicidimauro.wordpress.com/2010/08/09/lattesa/

  2. L'amico Mauro ha detto:

    … 8. “Gesù disse, ‘L’uomo è come un pescatore saggio che gettò la rete in mare e la ritirò piena di piccoli pesci. Tra quelli il pescatore saggio scoprì un ottimo pesce grosso. Rigettò tutti gli altri pesci in mare, e poté scegliere il pesce grosso con facilità. Chiunque qui abbia due buone orecchie ascolti!’” …
    Fonte: https://giuseppemerlino.wordpress.com/2011/01/10/vangelo-di-tommaso-testo-integrale/
    😀

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...