GIORNALISTI

 

In occasione del recente terremoto,

seguendo le innumerevoli fonti d’informazione,

mi sono reso conto che tanta gente, probabilmente,

non è a conoscenza del fatto che

l’isola d’Ischia è un vulcano

che in ogni istante potrebbe dar luogo ad un’eruzione …

 

È semplice ignoranza?

Oppure regna sovrana l’incoscienza?

Forse, semplicemente, c’è chi, per superstizione …

 preferisce fingere di non sapere

che quell’area, vicina al Vesuvio ed ai campi Flegrei,

è una grande caldera in stato di quiescenza?

 

Lo affermano gli esperti

che continuamente monitorano la zona,

senza voler creare eccessivi allarmismi tra la gente,

i quali parlano del “Supervulcano” più pericoloso d’Europa,

limitandosi a sensibilizzare gli animi

affinché “non” lascino l’amato luogo di vacanza

 

Ci vuole prudenza,

nel parlare della sua pericolosità,

poiché nessuno conosce, effettivamente,

la verità

 

Ma i giornalisti,

si sa, sono notoriamente tristi …

amano spaventare i turisti

e così c’è chi se n’è andato,

avendo sperimentato la paura,

e chi è invece arrivato,

alla ricerca

d’una nuova, appassionante,

avventura …

Informazioni su L'amico Mauro

https://astronascenteblog.wordpress.com/chi-sono/ ?
Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.

Una risposta a GIORNALISTI

  1. L'amico Mauro ha detto:

    Sono ischitano e pratico il reato di abusivismo. Faccio abuso di mare, dei tramonti a Forio, dell’acqua di Nitrodi che è il mio condono naturale. Faccio abuso del monte Epomeo dalla cui cima si guarda Napoli, il Vesuvio, le isole del Golfo, il basso Lazio, gli Appennini, e in alcuni momenti quando l’aria è pulita vedi anche New York. Faccio abuso dei sentieri di Merecoppe affacciati tra la montagna e il mare. Faccio abuso, soprattutto, del coniglio la domenica, e anche il lunedì che con il sugo azzeccato è più buono. Sono ischitano e faccio abuso del pane di Boccia, del caffè di Cocò, della zingara della Virgola, del gelato di Luciano. Faccio abuso di scalini per arrivare a Sorgeto, di passi per scendere a Sant’Angelo che dicono sia la “piccola Capri” ma non è uguale a nessuna altra parte del mondo. Sono ischitano e faccio abuso di fotografie, perché mi basta un’immagine del Castello Aragonese per riportarmi a casa in qualunque parte del mondo mi trovi. Faccio abuso delle torri di Forio, della bellezza incomparabile dei parchi botanici, di vino e parracine, di pietre molari, di pilastri, di acqua di Buceto, faccio abuso dell’aria fresca di Fontana, soprattutto quando è agosto, del lungomare tra Casamicciola e Lacco, del Fungo e del panorama dal Rarone. Faccio abuso della mia storia millenaria, della gente che era già qui quando non esisteva Napoli, e Roma era un villaggio sul Palatino. Faccio abuso dei giardini termali, perché l’acqua calda l’abbiamo scoperta noi. Faccio abuso della Chiesa del Soccorso e della spiaggia dei Maronti, di linguine con le vongole e di Biancolella. Sono ischitano e pratico il reato di abusivismo. Sono abusi di necessità, perché quest’isola tutta intera è necessaria alla mia esistenza, è la mia casa, e nessun terremoto, frana, alluvione o calamità può anche solo urtare la sua struggente bellezza.
    (Corrado Visone)
    https://m.facebook.com/story.php?story_fbid=10214328179098109&id=1225801668

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...