AVANTI

 

Allontanarsi prudentemente,

dal pensiero condiviso da tanta gente,

rappresenta un ostacolo

che probabilmente ognuno deve superare

per accedere al trascendente

 

Ciò è necessario, principalmente,

per chi volesse ri-trovare

la propria Essenza,

grazie alla quale eleverà

la propria coscienza

 

Senza lasciarsi ingannare

dall’illusoria ambizione

di poter condividere con altri

quella meravigliosa esperienza

dato che ciascuno dovrà approdare,

personalmente,

all’ammaliante conoscenza

 

… Dopo che avrà abbandonato definitivamente

qualsiasi attaccamento,

compreso quello per la religione …

che ringrazierà, sinceramente,

arrivando a provar per essa

una profonda riconoscenza

 

È questo il cammino spirituale

che passando per la compassione,

inevitabilmente, al di là del bene e del male,

conduce più avanti nell’evoluzione …

Annunci

Informazioni su L'amico Mauro

https://astronascenteblog.wordpress.com/chi-sono/ ?
Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.

3 risposte a AVANTI

  1. orchideagialla ha detto:

    Sì, avanti, con l’ESPERIENZA …
    … “I saggi veggenti dissero che il substrato dello spazio è l’esistenza, sat. Che il substrato del tempo è l’esperienza o beatitudine, ananda, e che il substrato del pensiero è la coscienza, cit. Dissero pure che, affinché qualcosa possa esistere è necessaria una forma di esistenza perciò l’esistenza precede lo spazio. Anche il tempo esiste solo in rapporto alla percezione perciò conclusero che la percezione precede il tempo.
    Rivelarono che la percezione primaria, potenziale e indifferenziata è il primo principio dell’esperienza e che corrisponde alla beatitudine perfetta cioè alla gioia pura e assoluta che è la natura ultima dell’esperienza. La beatitudine assoluta venne chiamata brahman, la sorgente da cui nascono gli esseri, perché nella beatitudine assoluta gli esseri vivono e nella beatitudine assoluta gli esseri ritornano quando hanno cessato di esistere.
    Poi insegnarono che non esiste esperienza senza esistenza e che non esiste esperienza senza esistenza. Perciò la beatitudine è un’esperienza che si illumina da se stessa sebbene la beatitudine sia diversa dalla sensazione. L’esistenza è una forma di beatitudine perché è uno stato liberato dall’inerzia.
    E siccome la beatitudine è una forma di esistenza anch’essa è un continuum, perciò la base dell’esperienza è conosciuta come sensazione o come emozione. L’esperienza della beatitudine implica la realizzazione del tempo assoluto che è l’eternità cioè l’attimo sempre presente. L’essere che raggiunge questo stadio è liberato da ogni legame con l’azione ossia è libero dal karma perciò conosce la beatitudine di Brahma” …
    Fonte: http://lacompagniadeglierranti.blogspot.it/2015/09/continuum.html

  2. Pingback: DIVINA NUDITÀ | Mondi alternativi

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...