LA MEDITAZIONE

“Lo sviluppo della personalità

parte dalla superficie delle cose

e penetra sempre più profondamente in esse,

finché finalmente la ricerca e ciò che si ricerca

diventano UNO.

Così che non state meditando,

ma siete la meditazione;

la quale è il vostro perfetto poema,

l’arrangiamento della vostra coscienza.

In un attimo sapete che questa coscienza

è il dono che voi darete al creatore”.

(Q’uo, trascrizione del 10/05/1987, pag. 3)

 

Brano associato: “La canzone indiana” – Riccardo Cocciante

“La meditazione è stata mal interpretata dalle vostre genti. Si pensa che si debba trasformare la propria intelligenza in una tabula rasa. Ognuno dovrebbe trovare interiormente il silenzio. Solo in quel silenzio, la meditazione può considerarsi riuscita. Questa non è la nostra comprensione dell’utilità della meditazione. L’intenzione di coloro che meditano è di riuscire ad aprirsi, non alla conoscenza ma alla grazia spirituale, perché non c’è niente di così assoluto nella terza densità se non la grazia”.

(Q’uo, trascrizione del 24/02/1991, pag. 4,5).

“Essere nutrita ad un altro livello è l’effetto che sembra avere su di me la meditazione, anche se non riesco mai a spegnere completamente la mente. Hatonn dice che la meditazione è una specie di nanna spirituale:

<<Nutrite la vostra fede e la vostra comprensione attraverso la meditazione. Più andate avanti lungo questo percorso, amici miei, più troverete significativa questa semplice affermazione: meditare. Inizia come un processo semplice e, poco alla volta, diventa poi un modo di vivere. Osservatelo man mano che progredite lungo il vostro personale cammino spirituale>>…

(Hatonn, citazione tratta dall’Introduzione di The Law of One, Book I, pag, 29)

La perseveranza è l’unica risposta. Quando iniziamo a meditare scopriamo tutti i nostri segreti personali, i punti del nostro corpo in cui abitualmente tratteniamo la tensione, i pensieri ripetitivi, le paure e le emozioni represse. Tutte le piccole manie e le stranezze della mente che normalmente non notiamo”… perché ci affanniamo nel fare qualcosa che ci tenga lontano da noi stessi!

Fonte: “Manuale dell’Errante” – Volume II (pag. 114-117), edito dalla Stazione Celeste.

Informazioni su L'amico Mauro

https://astronascenteblog.wordpress.com/chi-sono/ ?
Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...