LA PSICOLOGIA DELL’AMORE (3^ parte)

… A questo punto, prima dell’ultimo incontro, ho ideato quello che avrebbe potuto essere il secondo colloquio ipotetico-ideale:

D. Dall’esame dei tests cui si è sottoposto emerge che lei ha vissuto un’esperienza che definisce straordinaria, ce la può descrivere?

R. Volentieri! Circa 3 anni fa (il 13/04/2008),  dopo che la sera precedente avevo a lungo meditato sull’opportunità di allontanarmi dalla famiglia, mi sveglio nel cuore della notte e realizzo che stavo sbagliando. Tale ripensamento,  sommato alle scelte “sensate” fatte in precedenza, si è rivelato fondamentale per la mia esistenza. In quell’istante sono stato catapultato in una nuova dimensione interiore ove si supera la normale comprensione delle cose. Sento,  profondamente emozionato,  che la mia vita è cambiata in positivo e chiamo quindi a raccolta i componenti della famiglia con le lacrime agli occhi per stringerli in un abbraccio che, giustamente, non può in alcun modo da loro essere compreso. In quell’abbraccio erano fusi sentimenti d’Amore, empatia e compassione nel loro più profondo significato. Un’abreazione (un’intensa ed improvvisa emozione mai provata prima) da cui è scaturita un’ondata d’energia  che ha trovato sfogo in una sconosciuta vena poetica e che mi ha spinto, per un certo periodo, a svegliarmi molto presto per tradurre in parole le mie nuove “emozioni”, così da poterle “immortalare”. Dentro di me sento nascere un inquietante senso di onnipotenza che mi spinge a credere di aver raggiunto “l’infinito”! Provo quindi a fare delle previsioni sul mio futuro che si rivelano… puntualmente errate! Prima tra tutte la convinzione che a tale traguardo debba naturalmente succedere l’immediato trapasso, cosa a cui mi preparo con gioia ma che non accade. Sono così  costretto a “riprogrammarmi”. Cerco allora di comprendere quale sia “il mio nuovo compito” mentre, contemporaneamente, avverto la necessità di documentarmi su ciò che mi è accaduto. Inizia allora la mia ricerca, nei libri e su internet, di qualcuno che avesse vissuto un’esperienza simile alla mia, così da poterne comprendere appieno il significato. Il primo libro in cui mi sono imbattuto, e che mi ha aiutato molto, è stato: “Un Nuovo Mondo” di Eckhart Tolle (titolo che ha ispirato il mio primo blog). È grazie a questo testo che ho appreso di essere semplicemente andato, grazie alle scelte effettuate, “Al di là dell’ego”comune, avendo abbandonato la maschera che celava il mio vero Essere interiore (l’ “Io Sono” – titolo di un altro dei miei blogs). Dopo quel fantastico libro ne ho acquistati altri, insieme alla piccola libreria che li contiene, grazie ai quali trovavo le parole appropriate alla descrizione delle mie nuove emozioni. Ho quindi iniziato a realizzare blogs (ove pubblico le mie poesie ed i brani, tratti dai libri che leggo), al fine d’incontrare, anche solo virtualmente, persone che avessero provato qualcosa di simile a ciò che io avevo “vissuto”.

D. Cosa intende per “ego comune”?

R. L’ego, come lei m’insegna, è quel qualcosa che fa parte di noi con cui dovremo convivere per tutta la vita. Nel mio caso si tratta però di un ego equilibrato. Non si tratta di essere migliori o abbastanza buoni o di qualunque altro confronto. Si tratta di ritrovare se stessi.  È questo che fa illuminare i nostri occhi quando sorridiamo. È questo che ci dà la possibilità di cambiare i cuori e le vite delle persone semplicemente camminando in mezzo a loro e condividendo emozioni positive, riconosciute come tali dalla “parte migliore” (Anima/Sé) di ogni individuo.

D. In uno dei documenti che mi ha consegnato lei accenna all’occultismo ed al misticismo … in quale dei due s’identifica?

R. In nessuno dei due e in entrambi (per chiarimenti leggasi Chiara Varelli “Sul Sentiero” Parte quarta, pag. 130 – Scienza e spiritualità, gratuito su www.edicolaweb.net). Il mio risveglio (alla consapevolezza dell’ “Essere”, cui recentemente ho dedicato una poesia) è susseguito ad una totale accettazione delle esperienze che la vita mi ha posto innanzi ed è avvenuto, di fatto, dopo che mi sono allontanato dalla religione (misticismo) e prima d’iniziare la ricerca delle risposte (occultismo) alle tante nuove domande che ora affollavano la mia mente.

D. Lei segue una qualche filosofia o religione?

R. Sì, una, suggeritami da un mio “Carissimo Amico” (il mio Maestro interiore).

D. Alla luce del suo nuovo stato dell’Essere, Lei, come definirebbe se stesso?

R. Potrei essere definito, con le parole di Pietro Ubaldi nella sua stupenda opera dal titolo “La Grande Sintesi”, come “un individuo che ha sviluppato una particolare creatività nel campo del sentimento e dell’Amore”.

D. C’è un documento che spieghi, in sintesi, il contenuto dei suoi blogs?

R. Sì, uno, dal titolo “Cosa sta accadendo” che ho scritto per esaudire il desiderio di  un amico e che ogni tanto aggiorno con le novità che si trovano in rete e che sento più in sintonia con il mio pensiero che muta

D. Un’ultima curiosità? Perché ha scritto e pubblicato questo documento?

R. Con le parole di Sant’Agostino potrei rispondere: <<poiché le parole, colpita l’aria, immediatamente si dileguano e sussistono finché dura la percezione sonora>>; mentre la scrittura <<assunto corpo tramite le lettere>> per mezzo delle quali <<si rende visibile agli occhi>>, rimane a testimonianza del <<contenuto mentale che ciascuno intende manifestare>>.

Con parole mie, invece dico: per tenere memoria di questa piacevole esperienza che mi ha indotto a ricostruire e narrare gli avvenimenti del mio meraviglioso passato. Prima di salutarci vorrei aggiungere che, in attesa che “i semi” con cui ho cosparso questo fertilissimo terreno germoglino e producano le piantine da cui poi sbocceranno tanti fiori colorati che renderanno profumatissima l’aria del nuovo Eden, approfitto di questa magnifica opportunità per salutare e ringraziare tutti coloro i quali hanno seguito le recenti vicissitudini della mia, interessantissima, “Nuova Vita”.

Un giardiniere

Informazioni su L'amico Mauro

https://astronascenteblog.wordpress.com/chi-sono/ ?
Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.

7 risposte a LA PSICOLOGIA DELL’AMORE (3^ parte)

  1. L'amico Mauro ha detto:

    Dopo che avrete letto il racconto al seguente indirizzo:
    http://dolcecomplicata.wordpress.com/2010/08/06/lamore/
    potete leggere il seguito:

    L’uomo, pur sorpreso dalle parole del saggio,
    decise di attenersi scrupolosamente ai suoi consigli
    ed iniziò così ad acconsentire a tutte le richieste della moglie
    standole sempre accanto, manifestandole il proprio affetto,
    evitando ogni più piccola discussione ed addossandosi tutte le colpe
    delle inquietudini che la consorte ogni tanto manifestava.
    Ella fu molto sorpresa di questo nuovo atteggiamento del marito.
    Ben presto l’uomo si rese effettivamente conto
    della bontà dei consigli che gli erano stati dati
    dal saggio e per lui iniziò una nuova vita
    nella quale spiccavano profondi sentimenti d’Amore, gioia e serenità.
    La donna invece, sorpresa da questa novità,
    non ebbe più punti di riferimento e si ritrovò quindi a dover cambiare
    lei stessa il proprio comportamento nei confronti del marito
    che era divenuto fin “troppo arrendevole”,
    cosa che l’insospettì.
    Il tempo passava ed in casa vigeva la serenità,
    l’uomo sentiva di Amare la propria moglie come mai prima d’allora.
    Qualsiasi cosa ella desiderasse, lui era pronto ad esaudirla
    gli riusciva semplice e naturale.
    Ma lei non era felice
    Qualcosa dentro le suggeriva di dichiarare al proprio marito
    che avrebbe voluto evadere da quella situazione,
    per cercare delle risposte dentro se stessa.
    Il marito, amorevolmente, avendo egli passato prima di lei
    quel momento d’incertezza e sapendolo quindi riconoscere
    consigliò alla propria moglie di recarsi
    dal suo amico saggio …

    P.S. Volete conoscere il segreto per raggiungere la felicità? EccoVi la risposta!
    https://amicidimauro.wordpress.com/2011/03/07/oltre-il-desiderio-la-felicita/

  2. L'Amico Mauro ha detto:

    … A seguire, a proposito della semina: …

    … “Le rivelazioni
    sono come dei semi che,
    una volta raccolti da chi ne è capace,
    possono far germogliare i ricordi dell’anima,
    seppur vaghi” …

    http://www.myspace.com/nippurdilagash/blog/541280600

  3. michele ha detto:

    Un’esperienza incredibile, mutevole come fosse inversamente proporzionale al trascorrere dei giorni.
    Tutto cambia, domani ad esempio potresti anche scoprire che c’è dell’orrore in una parte/momento di vita, potresti sentirti arido, svuotato, potresti financo non ricordare nulla di questa tua esperienza ma non smetteresti per questo di vivere e di cercare una verità che ti compiaccia ma che non sarà mai la stessa e soprattutto non è quella di tutti. E’ la tua, la tua soltanto così come ti appartiene una consapevolezza ma che significa poi essere consapevoli?
    Conoscere cosa ci attende? La consapevolezza si sposa con i tre perchè dell’uomo? O forse si è tanto consapoveli quanto più si è arrendovoli alla propria miseria? Confidare nell’abilità evolutive e capacitive dell’uomo o farsi miti e semplice rimettendo la propria vità ad un disegno Superiore. Comunque vada l’uomo ne esce sconfitto, ora il vero problema è compredere che forse la sconfitta dell’uomo è la cosa più giusta che potesse mai accadergli….

    • L'Amico Mauro ha detto:

      Inizi come al solito con il tuo proverbiale “ottimismo” … Poi ti lasci andare ad un pensiero che fugge dal controllo della mente e … tutto diventa più bello! Le tue parole incantano e nel finale affermi che, giustamente, quale che sia il “destino” dell’uomo, egli sarà eternamente grato verso l’Energia Creatrice che tutto ha realizzato con un unico scopo … proferire l’immenso Amore. Amore che le sue creature avrebbe potuto “apprezzare” durante il persorso che le avrebbe poi riportate alla Sorgente.

  4. L'amico Maurol ha detto:

    Ecco qualcuno che già tanto tempo fa sapeva come curare i “disturbi” relativi alla ri-connessione con la propria parte interiore …
    http://alkemica.net/articoli/entry/3-spiritualit%C3%A0/1204-sviluppo-spirituale-e-disturbi-neuropsichici-di-roberto-assagioli
    Lettura consigliata a tutti gli “Psico” … cui stanno a cuore
    i “problemi” causati dall’Amore

  5. Pingback: 13/4/2014 | La Nuova Era

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...