LA SPOSA DI CRISTO

… “Nel XII secolo san Bernardo di Chiaravalle, patrono dei Cavalieri Templari, conosceva bene tale associazione simbolica tra Salomone e Gesù, e tra Abisag e Maddalena. Fu questa la ragione che lo spinse a proclamare l’obbedienza dell’Ordine alla torre di guardia della Maddalena. Ecco perché le cattedrali templari della Francia, dedicate a Notre-Dame, furono in origine consacrate a Maria Maddalena, la Signora della Luce, e perché la più importante di esse, Notre-Dame de Chartres, mostra nella meravigliosa vetrata della Maddalena proprio l’unzione di Betania. E fu per questo stesso motivo che, nel 57° dei suoi Sermoni sul Cantico dei cantici, san Bernardo alluse a Maria Maddalena come “Sposa di Cristo”. Nonostante tutto ciò che è stato scritto in opere più o meno romanzate sul segreto del rapporto coniugale di Maria con Gesù, in realtà tale segreto non è mai esistito. La conoscenza dell’istituzione nuziale messianica non poggia sull’accesso ad archivi misteriosi o a società occulte, o sulla comprensione di enigmatici codici. I dettagli della cerimonia rituale, riportati in ciascuno dei Vangeli neotestamentari, sono stati semplicemente offuscati dai continui assalti della Chiesa all’eredità di Maddalena, nel tentativo da parte dei vescovi d’insinuare che il matrimonio, pur rappresentando per tutti noi una condizione onorevole, in qualche modo non era all’altezza della dignità di Gesù. Pertanto, a causa di una presuntuosa associazione d’idee, esso si ritiene inferiore alla dignità dell’establishement sacerdotale. Fin dall’inizio della missione di Gesù, Maria Maddalena fu costantemente presente nella sua vita. Ella mise a sua disposizione le proprie ricchezze, lo accompagnò nei suoi spostamenti, lo cosparse d’olio profumato, confidò in lui e fu vicina alla madre e alle sorelle di Cristo. Fu ai piedi della Croce, si recò al sepolcro recando oli aromatici e fu la prima a parlare con lui nel giardino. Nei documenti ella viene definita consorte di Gesù e Apostola degli Apostoli, la donna che Gesù baciava sulla bocca e chiamava beata, la donna che conosceva ogni cosa e che gli era particolarmente cara. In breve, Maria Maddalena gli fu vicina più di chiunque altro, e ciò comporta una domanda interessante: pur di non ammettere che Gesù fosse sposato (come gli apostoli che nei loro viaggi erano accompagnati dalle mogli), preferiremmo davvero credere che Egli avesse scelto una relazione poco impegnativa con una prostituta, invece di avere una moglie? La reputazione di Maria Maddalena fu rovinata da una campagna propagandistica priva di qualsiasi fondamento biblico. Nel corso di essa, la stessa natura umana di Gesù venne screditata in modo sostanziale, mentre sua madre diventò uno strano essere asessuato che non rappresentava più nulla. Avvilita in tal modo, ella non ha mai potuto rappresentare un modello di condizione femminile per le donne normali, ed ecco perché molti si rivolgono a Maria Maddalena. Non è possibile trovare nulla di femminile nell’immagine di una madre vergine, mentre Maria Maddalena ed il suo patrimonio di Sofia (saggezza) esalano il fascino romantico della sacra femminilità. Dall’esuberanza alle lacrime, dalla sapienza all’incertezza, ella possiede tutti gli attributi della realtà, e la sua lealtà non vacilla mai. È naturale che Gesù l’amasse: perché non avrebbe dovuto? Nei Vangeli è stata definita dea, era sessualmente attraente ed aveva una storia ricca di esperienze avventurose. Era però la madre degli eredi desposynoi e, per tale motivo, il suo personaggio venne brutalmente annientato da un establishment pavido e tormentato dalla gelosia. Quanto a Gesù, la sua figura storica venne mortificata attribuendogli una vergine come madre ed una prostituta come amante!”

Fonte:“I figli del Graal(pag. 147-149). © 2006 Newton Compton editori s.r.l. Roma. Titolo originale “The Magdalene Legacy” © 2005 Laurence Gardner First published by HarperCollins, London W6 8JB

Annunci

Informazioni su L'amico Mauro

https://astronascenteblog.wordpress.com/chi-sono/ ?
Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.

9 risposte a LA SPOSA DI CRISTO

  1. michelepunziano ha detto:

    …non è proprio così ma c’è a chi piace crederlo…

  2. orchideagialla ha detto:

    Basta cercare fuori!
    … “Se sei in un corpo di Donna e hai bisogno di sostegno e questo lo cerchi in un uomo, è la fiducia verso l’aspetto maschile di te che ti manca. Cosa accade poi? Che se il maschile fuori non ti sostiene, egli diventa la causa del malessere che vivi. Idem per un uomo che cerca dolcezza e accoglienza in una donna, queste sono le esperienze alle quali la sua anima lo sta invitando a sentire dentro di sé. Il permettersi di accogliere con la sua parte femminile il suo maschile, e aiutarlo a lasciarsi andare senza più il bisogno di dimostrare NULLA, questo è l’invito danzante della sua anima”…

    Fonte: http://www.stazioneceleste.it/Myriam/myriam.14.htm

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...