DAL PENSIERO ALL’INTUIZIONE

Psicologi occidentali, saggi orientali,  pensatori di ogni tradizione culturale, e, sempre più spesso,  anche medici e terapisti, affermano – con  termini e modalità differenti a seconda delle culture e dei campi del sapere – che l’uomo e il suo percorso sulla Terra sono determinati dalla qualità del pensiero.

Siamo dunque il nostro pensiero?

È esperienza di tutti che il pensiero, se pur così impercettibile, labile e sfuggente, è l’elemento più potente delle nostre vite; se  impariamo a comprenderne le caratteristiche  e le potenzialità potremo farne un alleato per favorire il  nostro ben-essere e l’armonia nel mondo. Il dominio della mente determina la coscienza (da con-scire, sapere; percezione di sé e delle proprie idee) con cui si svolgono le azioni e la loro efficacia nel mondo; il pensiero appare pertanto collegato, a nostro parere, a qualità e attitudini che riguardano qualsiasi atto svolto con consapevolezza, buona disposizione d’animo e fermezza di proposito (stabilità). Se vorremo  ottenere risultati appaganti, in qualsiasi tipo di esperienza, i primi requisiti che dovremo ricercare sono pertanto quelli che si riferiscono alla presenza, alla vigilanza e all’attenzione, cioè all’essere in quel luogo e in quel momento pienamente, con la totalità di noi stessi. Da questa considerazione deriva l’esigenza  di sviluppare la capacità della concentrazione, cioè di orientare il pensiero in una sola direzione, senza permettere alcuna distrazione all’automatismo e all’inerzia della mente. I saggi  orientali affermano che la mente dell’uomo comune somiglia ad una scimmia impazzita che salta da un ramo all’altro dell’albero; affinché il pensiero diventi  armonico, potente  e capace di creare è necessario che essa diventi tranquilla come un lago in cui possano  specchiarsi  i monti. Possiamo immaginare la riflessione come un faro che volge i suoi fasci di luce sul dato punto; allo stesso modo le nostre azioni hanno  incisività ed  efficacia, e riescono a sprigionare “luce”, se rivolgiamo ad ogni compito del nostro quotidiano, anche banale, tutte le nostre facoltà coscienti. Questo tipo di attenzione, necessario per ogni opera utile e creativa, può essere sviluppato con l’esercizio costante – la disciplina – fino a diventare un’abitudine ovvia e necessaria. Si potrà sperimentare, così, la sensazione  di dominare i propri pensieri, invece che esserne dominati e di indirizzare secondo la propria volontà capacità ed energie tali da poter raggiungere obiettivi prima ritenuti troppo distanti o elevati. L’osservazione è scarsamente curata dai ragazzi, e anche da molti adulti; eppure anch’essa è alla base di tante realizzazioni. L’artista, lo scrittore, il creativo attingono dall’osservazione della realtà elementi di verità e di bellezza che sfuggono a molti; l’interesse e la cura dei particolari che mettiamo nei nostri rapporti con gli altri arricchisce la nostra esperienza. Dall’attenzione focalizzata e dall’osservazione si ricavano una percezione di maggior potere sulle proprie vicende personali, un’accresciuta autostima e un più profondo “senso” della Vita. Ci si assume una più estesa e sentita responsabilità dei propri pensieri, poiché si comprende più chiaramente che da essi originano le azioni. L’essere responsabili non viene ora tanto sentito nell’accezione comune e profana di “portare un peso” ma è inteso sempre più spesso nell’originario senso  etimologico di “essere abili alla risposta” nei confronti di noi stessi e del gruppo umano di cui sentiamo e vogliamo far parte. Con la nostra immaginazione – che non è vano fantasticare ma è la capacità di vedere nella mente il futuro da realizzare – “faremo le prove” con la mente di ciò che vogliamo ottenere, sentendoci più preparati per il momento in cui le nostre visioni si attueranno.

Si consolida una visione più fiduciosa dell’avvenire, che appare invitante perché ricco  di promesse realizzabili e  di obiettivi raggiungibili attraverso la padronanza dei  propri sempre più idonei strumenti mentali. Ma, soprattutto, ne nasce un’ espansione di coscienza che rende tutto intorno a noi più significativo e degno di essere attraversato, poiché si rivelano lo spessore interno ed il messaggio di ogni vicenda; il loro nuovo significato e il loro più alto valore possono ora entrare a far parte – e a buon diritto poiché assimilati ed interiorizzati –  del “sedimento” della nostra esperienza di vita.

Potremo giungere, così, attraverso la costante pratica dell’attenzione, dell’osservazione, della vigilanza, della concentrazione, della meditazione – e soprattutto dell’immaginazione creativa – all’intuizione; coglieremo prontamente con l’intelletto, senza  bisogno di ragionamenti e prove, vedremo, sapremo e faremo con immediatezza e contemporaneità, poiché il nostro percorso apparirà inequivocabilmente chiaro davanti a noi.

Fonte: Bianca Varelli, “Crisalide – Penso, dunque sono”

Informazioni su L'amico Mauro

https://astronascenteblog.wordpress.com/chi-sono/ ?
Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.

Una risposta a DAL PENSIERO ALL’INTUIZIONE

  1. Pingback: IL LIBRO | Mondi alternativi

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...