Coscienza e perfezione

Caratteristica dell’uomo – afferma Antonio Rosmini – è l’autocoscienza, la consapevolezza di essere un io che cerca le ragioni ultime dell’esistere. L’uomo, “animal intellectivum”, agisce nel mondo ma cerca le ragioni più profonde dell’essere, della natura e del suo stesso agire in Dio, Origine di ogni possibilità di esistenza. Dio è Verità assoluta e la Verità è l’Essere stesso, è “per sé manifestato”, ovvero ha in se stesso la manifestazione. Ciò che è indefinito e incompleto appartiene solo alla nostra imperfetta umanità; è da questo che nasce la difficoltà del procedere verso la verità, vissuta e descritta da Agostino: “l’anima esita, poiché ancora inabile a scorgere la luce alla quale è inevitabilmente destinata; talvolta, pur intravedendola, dubita di essa o la rifiuta, in un perenne andirivieni fino a che il Maestro interiore non ha il sopravvento”. L’Essere assoluto, cui il Rosmini arriva per ragionamento, “crea le intelligenze ed è luce eterna e oggetto eterno”; l’uomo può “avere” l’essere ma non può “esserLo” autonomamente. Mentre la ricerca nella vita dell’uomo è indirizzata al piacere, nell’Essere assoluto il piacere si sublima in beatitudine e suprema volontà di Amore, che diventa creazione; pertanto, tutto quanto esiste è nato dall’intelligenza e dall’Amore. Dalla sintesi di Intelligenza e Amore nasce l’atto morale, “atto intellettivo amoroso”, che è il primo e più evidente segno dell’evoluzione della coscienza. La coscienza non è prerogativa dell’uomo, come ormai anche la scienza ha accertato; recentemente la biologa Levi Montalcini ha affermato: “La cellula è intelligente, percepisce un messaggio e lo comunica”. Negli anni sessanta Mére, dopo una lunga osservazione del proprio corpo, sosteneva che il sistema immunitario è collegato all’anima; in una “visione” vede la cellula e la descrive come un essere vivente, dalla forma ovoide, di colore delicato; il fisico Capra (ne “La rete della vita”) fa una simile descrizione della cellula vegetale. Ricerche scientifiche recenti hanno dimostrato che il sistema immunitario, nel suo complesso, assomiglia assai più a “un gruppo di persone che si parlano” che non a “soldati che combattono contro i nemici”, come finora si era sostenuto.

Tutta la materia e tutti i regni di natura hanno coscienza e intelligenza, a livelli naturalmente diversi:

● Il “regno minerale” manifesta “coscienza e intelligenza” nella forza di attrazione di alcuni elementi, in alcune aggregazioni chimiche e, infine, nella manifestazione della radioattività, che costituisce la possibilità “più alta” per quel regno. “L’atomo chimico” mostra capacità di selezione e discriminazione; esso – secondo la prospettiva teosofica – attraverserà i regni di natura fino a trovare più completo sviluppo nel regno umano;

● Il “regno vegetale” dimostra, oltre a queste caratteristiche, una rudimentale sensibilità all’ambiente; manifesta coscienza e intelligenza nella ricerca della luce; nella “risposta agli stimoli”, evidenziata da alcune forme vegetali; nelle tecniche, spesso ingegnose, per difendersi dall’arsura; nella produzione di fiori e frutti, che sono la più elevata realizzazione per quel regno;

● Il “regno animale” mostra di possedere anche l’istinto, stato primordiale della mente, che si svilupperà nell’essere umano. Esso è il più vicino all’individuazione umana; gli animali hanno un’anima collettiva, o “di gruppo”, il che spiega perché gli uccelli emigrano a stormo, perché i delfini risalgono insieme la corrente, perché le api sanno compiere incredibili “lavori di gruppo”. La coscienza si esprime, in questo regno, come istinto e avanzata sensibilità; gli animali più evoluti per duttilità e capacità sono prossimi all’individuazione umana;

● Il “quarto regno, quello umano”, possedendo ragione libero arbitrio è – per ora – l’apice dell’evoluzione sul nostro Pianeta (il quale è il corpo di un Essere maggiore, anch’esso vivente). A sua volta, l’uomo, rispetto ai tre regni subordinati, rappresenta il macrocosmo, è la divinità del suo sistema: possiede amore, intelletto e volontà; tiene sotto la sua sfera di influenza le vite minori di cui è composto ed è in grado, nel corso del cammino, di “prendere in mano” le redini del suo destino;

● Il prossimo regno, il quinto, sarà quello sovraumano; la cosiddetta “Era dell’Acquario” è “l’aurora” di tale stato. In esso l’essere umano diventerà sempre più “homo faber” (fabbro), demiurgo e padrone del campo fisico-materiale, dell’astrale-emotivo e del mentale-intuitivo…

È pertanto l’avanzamento della coscienza a determinare il progresso umano e l’autosviluppo; così, tutti gli esseri umani passano attraverso stadi di autoconsapevolezza sempre più avanzati che sono rispecchiati nell’adozione di modelli psicologici, emozionali, comportamentali, sociali e “transpersonali” sempre più alti e illuminati. L’uomo è una creatura deiforme, dotato di una intelligenza capace di concepire l’Assoluto e di una volontà idonea a scegliere la via che lo riporta a Lui”…

Fonte: Chiara Marelli, “Sul Sentiero” (pag. 52-53), gratuito su www.edicolaweb.net

Informazioni su L'amico Mauro

https://astronascenteblog.wordpress.com/chi-sono/ ?
Questa voce è stata pubblicata in Spiritualità. Contrassegna il permalink.

6 risposte a Coscienza e perfezione

  1. Rebecca o semplicemente Pif ha detto:

    Buongiorno caro Mauro, perfezionare la propria coscienza a volte quasi impossibile, per il fatto della negatività che ci circonda. Rimango sempre stupita osservando la natura e gli animali loro hanno qualcosa che noi manca, credo i nostri animali sono molto più cosciente di noi essere umani, anche la natura si fa la sua via nonostante tutto quello che fa l’uomo. Mi domando se Dio ci ha creato in questa maniera perche ha dato al uomo libero arbitrio? Proprio questo libero arbitro e il nostro fratello gemello EGO, e lui che ci impedisce di perfezionare la nostra coscienza. A volte sono invidiosi ai nostri fratelli nel Cosmo, loro sono già riuscito di perfezionare la propria coscienza.. serena giornata e non dimentica mai che ti amo..Rebecca

    • L'Amico Mauro ha detto:

      L’ho annotato da tempo… dentro il mio cuore.
      L’EGO contrasta l’insorgere della nuova coscienza, ma non l’impedisce. Il nostro io può essere battuto, nel mio caso con un atto di resa totale, ed in quel momento ci risvegliamo ad una maggiore consapevolezza che aiuta a comprendere ed accettare l’esistenza dei “nostri fratelli del Cosmo” che da lungo tempo cercano di aiutarci.

  2. simolove ha detto:

    Ciao Mauro.. finalmente pure tu sei arrivato!
    L’uomo in grado di prenderein mano le redini del suo destino.. tra virgolette va proprio bene…. Sn contenta che sei qui, buona giornata 🙂

  3. sonoqui ha detto:

    Ricordo una frase detta da Giovanni Paolo II : Anche gli Animali hanno un’ Anima, che
    raggiungerà Dio al momento del distacco.
    La Coscienza , non è un accessorio da tenere nel dimenticatoio, e ogni tanto farne uso.
    Essa è la nostra guida, che a dispetto di tutto, ci indica la Via dei valori morali e spirituali
    Accorgersi di ciò, avvicina l’uomo al divino.
    Con Amicizia
    Gina

  4. Pingback: COSCIENZA CRISTICA | La Nuova Era

  5. L'amico Mauro ha detto:

    A proposito d’avanzamento della coscienza …
    ora studiato pure dalla scienza …
    https://inconoscibile.wordpress.com/?s=coscienza
    sapete qual è l’ultima novità …
    https://amicidimauro.wordpress.com/2016/10/27/lultima/
    sulla spiritualità?
    https://iosonoiltuose.wordpress.com/?s=Spiritual

    No? Eccola qua …
    https://astronascenteblog.wordpress.com/?s=NPS

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...