La croce all’orizzonte

LA CROCE ALL’ORIZZONTE

… “Con una tradizione delle osservazioni celesti più antiche e più accurate in Mesopotamia che non in Egitto, naturalmente è possibile che gli astronomi reali di Babilonia fossero giunti a conclusioni in merito al ritorno di Nibiru anche prima degli stessi Egizi e senza il loro aiuto.
Ma, in ogni caso, fu solo nel XIII secolo a.C. che i re cassiti di Babilonia iniziarono a segnalare, in modi diversi, i cambiamenti radicali della religione. Nel 1260 a.C. un nuovo re ascese al trono di Babilonia e adottò il
nome di Kadashman-Enlil, un nome teoforico che a sorpresa venerava Enlil, ma che non fu un caso isolato…

Che ci si attendesse qualcosa d’insolito è testimoniato ulteriormente da monumenti commemorativi chiamati kudurru (pietre arrotondate) che venivano utilizzati come segni di confine. Su queste stele venivano specificati i termini dell’accordo (o la concessione del terreno) e i giuramenti fatti per suggellarlo; sui kudurru venivano riportati, di norma,
anche i simboli degli dèi celesti. Spesso sono ritratti anche i simboli zodiacali divini (tutti e dodici); in orbita sopra di loro c’erano gli emblemi
del Sole, della Luna e di Nibiru. In un’altra raffigurazione Nibiru era mostrato in compagnia della Terra (il settimo pianeta partendo dall’esterno) e della Luna (con il simbolo dello strumento per tagliare il cordone ombelicale, simbolo di Ninmah). Da notare che Nibiru non era più raffigurato dal simbolo del disco alato, bensì come il pianeta della croce radiante
– secondo la descrizione che ne facevano i Sumeri ai <<Vecchi Tempi>>: come pianeta radiante in procinto di diventare <<Pianeta dell’Attraversamento>>. Iniziò a diventare sempre più frequente questo modo di mostrare Nibiru (che da tempo era <<invisibile>>) con il simbolo di una croce radiante e ben presto i re cassiti di babilonia semplificarono il simbolo con una Croce, sostituendolo al disco alato sui sigilli reali… L’adozione del segno della croce quale emblema di Nibiru in babilonia, Assiria e altrove, non era un’innovazione che ci deve sorprendere. Il segno era stato usato in precedenza da Sumeri e Accadi.

<<Nibiru – che “attraversamentosia il suo nome!>>


recitava l’Epica della Creazione. E stando al simbolo, la croce era stata
utilizzata nei glifi sumeri per raffigurare Nibiru, ma poi aveva sempre
significato il suo Ritorno alla visibilità. L’Enuma Elish (l’Epica della Creazione) affermava chiaramente che, dopo la battaglia Celeste con Tiamat (scontro tra corpi celesti), l’invasore compì una grande orbita attorno al Sole facendo ritorno al teatro della battaglia… I testi sumeri che narrano degli eventi più importanti nella saga dell’umanità forniscono indicazioni precise relative alle apparizioni periodiche del pianeta degli Anunnaki – che si verificarono, approssimativamente, ogni 3.600 anni – e sempre in concomitanza di congiunzioni cruciali nella storia della terra e dell’umanità. Fu in questo periodo che il pianeta venne chiamato Nibiru, e la sua raffigurazione glifica – persino agli albori di Sumer – era la Croce. Quella narrazione aveva inizio con il Diluvio. Diversi testi che raccontano di questa catastrofe la mettono in relazione con la comparsa del <<dio celeste, Nibiru>> nell’era del Leone (nel 10.900 a.C. circa)”… cui seguirono successive apparizioni periodiche, verificatesi, all’incirca ogni 3.600 anni a seguito delle quali l’umanità ha attraversato importanti salti evolutivi>>…

Fonte: “Il giorno degli dei” di Zecharia Sitchin.
(pag. 178-182, stralcio). © 2009 I Ed. Piemme Bestseller, gennaio 2010.
© 2007 by Zecharia Sitchin.

Informazioni su L'amico Mauro

https://astronascenteblog.wordpress.com/chi-sono/ ?
Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.

2 risposte a La croce all’orizzonte

  1. Rebecca ha detto:

    Buongiorno caro fratello Mauro, molto bello questo testo, peccato che spesso questi racconti vengono messo nelle categorie fantascienza o mitologia, io personalmente credo che in qualsiasi storia del passato sia qualcosa di vero qualcosa autentico.. non ho paura del indomani, non vedo l’ora che tante domande mie trovano una risposta.. ti stimo tanto con sincero amore la tua Pif ☀Rebecca

  2. L'amico Mauro ha detto:

    Vuoi la verità?
    Non mancare di passare
    per quest’altra realtà …
    https://gilgameshdisumer.wordpress.com/info/

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...