Dai Celti all’ascesi

DAI CELTI ALL’ASCESI

 … “I Celti, antico popolo che troviamo in Francia, Spagna,
Isole Britanniche, Italia, Gallia Cisalpina, Grecia, e che conobbe il suo
apogeo tra il X e il III millennio avanti Cristo. La società dei Celti era
strutturata in tre classi sociali che altro non erano se non l’immagine
dell’uomo stesso: i produttori; i guerrieri; e gli uomini
sacri
che esercitavano il potere spirituale. Questi ultimi si dividevano a
loro volta nei: vati, specializzati nelle scienze naturali; bardi,
esperti nelle arti in genere, inclusa l’astronomia; e nei druidi,
i custodi della conoscenza segreta e degli antichi riti
. Charles-Rafel
Payeur precisa che i druidi <<erano discendenti diretti di un gruppo di iniziati
originari di Atlantide. La tradizione dell’ermetismo cristiano precisa infatti
che furono gli eredi degli antichi sacerdoti di Atlantide fuggiti per scampare
al diluvio universale e le loro conoscenze scaturivano verosimilmente da
rivelazioni ancora più antiche… È per via di questa vasta erudizione e della
loro esemplare sperimentazione nelle scienze naturali che i druidi furono gli
iniziatori di diversi maestri del passato
, quali, ad esempio, Pitagora ed
Aristotele. Ma quale fu la missione particolare di questo popolo? I druidi
erano stati scelti e poi allenati per preparare la terra ad un avvenimento
profetizzato da millenni dagli adepti: il matrimonio mistico tra il cielo e la
terra, cioè tra lo spirito e la materia
>>… I Celti ci dicono che ogni
individuo va inteso come <<Terra>> che deve
essere preparata per la sua unione col <<Fuoco Celeste>>,  vale a dire la sorgente della Creazione, ciò
che la nostra cultura chiama il Cristo. È opportuno rammentare che la parola <<unto>>, che in
ebraico si dice meshiha, cioè Messia, in greco si traduce con la
parola Kristos, cioè Cristo. Unto, Messia e Cristo sono dunque tre
appellativi che hanno lo stesso significato
. L’antico re biblico Saul,
tanto per fare un esempio, può indifferentemente essere detto <<Unto, Messia
o Cristo>>,
a seconda della lingua in cui viene mutuata la parola. In ogni caso,
l’unione tra uomo-terra e fuoco-cielo può essere realizzata solo attraverso una
trasmutazione dal piano fisico a quello spirituale
, operazione che
si può realizzare solo operando sui quattro elementi: terra, acqua, aria, fuoco
(che compongono la materia, ovvero la realtà in cui siamo immersi), che
a loro volta corrispondono ai quattro piani di cui è composto ognuno di noi:
corpo fisico, eterico, astrale e mentale. Attraverso tale comunione, ci
dicono i Celti, è possibile preparare la nostra coscienza alla nascita del
Cristo, la ri-Unione col Tutto, la simbolica morte-rinascita, l’ascesi
all’interno di noi stessi
… È per questo che il numero quattro è sacro
presso tutti i popoli arcaici, essendo, il quattro, il numero della Creazione:
quattro le Sacre Direzioni – ti dicono gli Indiani d’America – che formano il
cerchio dell’intero cosmo, quattro le età, quattro le stagioni, quattro i raggi
della croce al centro della <<Ruota di Medicina>> e via dicendo. Il filosofo
Platone, analogamente, insegnava che l’anima del mondo si crocifiggeva per
scendere all’interno della materia, incarnandosi nei quattro elementi

Quattro sono anche gli arcangeli della tradizione cristiana: Raffaele, Michele,
Uriele e Gabriele, considerati i reggenti dei quattro elementi, gli Spiriti
delle quattro Sacre Direzioni ti direbbero gli Indiani d’America”…

 Fonte: “Figli del
Tuono” di Vincenzo Braschi, pag. 158-166 (stralcio). © 2004 IdeaLibri S.rl.

Informazioni su L'amico Mauro

https://astronascenteblog.wordpress.com/chi-sono/ ?
Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...